Bomboletta insetticida NewSprayMaster One Shot
  • Nuovo
Revisione(0)
4,80 €Prezzo
Bomboletta insetticida NewSprayMaster
  • Nuovo
Revisione(0)
5,20 €Prezzo
insetticida vespe in schiuma
  • Nuovo
Revisione(0)
8,00 €Prezzo
Trattamento Anti-Zanzara
  • Nuovo
Revisione(0)
32,00 €Prezzo
Insetticida concentrato per zanzare, zanzare tigre e tutti gli insetti.
  • Nuovo
Revisione(0)
26,00 €Prezzo
Categoria superiore
News

Ratti e topi: animali infestanti da tenere sotto controllo

Ratti e topi sono un tipo di animale infestante davvero nocivo ed è per questo che si deve tener conto delle loro caratteristiche specifiche così da essere pronti a intervenire qualora sia necessario.

Sebbene sia conoscenza comune che i roditori siano un particolare animale davvero nocivo per le case e per le coltivazioni in pochi riescono a orientarsi verso una risoluzione definitiva del problema e questo perché non è sempre facile trovare tutte le informazioni necessarie. 

Questo articolo nasce proprio per venire incontro all’esigenza informativa di coloro che sospettano di avere un’infestazione di topi e ratti. Nello specifico andremo a vedere:

    • La differenza tra topi e ratti.

    • Quali sono le caratteristiche più comuni di questo animale altamente infestante.

    • I pericoli di un’infestazione da topi e ratti.

    • Come fare per riconoscere una situazione problematica.

    • Come risolvere un problema ed intervenire con una derattizzazione capillare.

In questo modo sarà possibile per gli utenti avere un quadro generale a 360° così da intervenire in piena libertà secondo le proprie specifiche esigenze.

Quali sono le differenze tra topi e ratti? 

Conoscere quali sono le differenze tra topi e ratti è il modo migliore per conoscere quali sono le misure necessarie da prendere in considerazione per liberarsi definitivamente di un problema che può divenire davvero spinoso. 

Una delle differenze più evidenti è quella che riguarda le dimensioni: i topi sono di natura più piccoli dei ratti. I topi inoltre possiedono orecchie più grandi e una coda sottile e pelosa mentre i ratti possiedono zampe più grandi e una coda lunga e spessa, sostanzialmente priva di peli. 

Tra le problematiche di cui tener conto è anche l’elevata pervasività della specie, entrambe infatti producono diverse cucciolate l’anno generando di volta in volta molti cuccioli. 

Il ratto in condizioni favorevoli può figliare dalle 4 alle 6 volte all’anno generando fino a 10 cuccioli ad ogni parto. I topi hanno abitudini diverse e in media compiono 7-8 parti l’anno producendo dai 10 ai 16 cuccioli.

Dopo aver messo in luce alcune delle differenze che sussistono tra questi due roditori è bene precisare che non tutte le specie di topi o ratti sono da considerarsi infestanti. Quelle endemicamente più pericolose per l’uomo, per i privati e per le aziende sono:

    • Il topo domestico.

    • Il ratto nero.

    • Il ratto grigio.

Il topo domestico 

Il topo domestico, nome scientifico Mus domesticus, è tra le specie infestanti più diffuse e anche quella che provoca in media più danni. Tra le specie di topo domestico quelle che creano infestazioni pesanti sono: il topo comune, il topo di campagna e il topo selvatico.

Il topo domestico è attratto dai cereali e tende a ricercare il cibo sempre negli stessi luoghi. Questo può portare a generare più danni all’interno di un’area ristretta. Di solito vivono a terra e nidificano costruendo tane in anfratti umidi e coperti tuttavia sono abili arrampicatori.

Il topo domestico e le sue varietà sono presenti su tutto il territorio ed è facile ritrovarsi con una possibile infestazione.

Il ratto nero 

Il ratto nero detto anche ratto dei tetti o Rattus Rattus ha la coda più lunga dell’intero corpo e il naso appuntito. È un animale molto difficile da eliminare quando comincia ad infestare un territorio anche perché non è solito mangiare negli stessi luoghi. Preferisce mangiare cibi umidi e i luoghi dove è più possibile trovare infestazioni pesanti da ratto nero sono:

    • Le aree portuali.

    • In aree agricole con presenza di frutta.

    • All’interno dei sottotetti delle abitazioni.

Il ratto nero è anche la specie con il tasso di maturità delle cucciolate più veloce.

Il ratto grigio

Il ratto grigio è tra i roditori infestanti quello dalle dimensioni più grandi. Ha un corpo spesso, il naso smussato e una coda più piccola del corpo.  Preferisce cereali e cibi solidi ed è solito ritornare nei luoghi dove ha trovato da mangiare. Questo sebbene rappresenti un vantaggio nel momento in cui ci si accorge di un’infestazione è anche il motivo per il quale il ratto grigio o topo di fogna crea maggiori danni in un’area ristretta.

Comunemente chiamato anche pantegana questo tipo di ratto è possibile vederlo nidificare in maniera disparata sia all’aperto, che negli edifici o nelle fognature.

I pericoli di un’infestazione da ratti e topi 

Un’infestazione da ratti e topi genera diversi pericoli tutti correlati ai danni che possono creare alle strutture, all’ambiente e alla salute degli esseri umani. Conoscere nel dettaglio quali sono i danni che possono provocare e quali sono le malattie che potrebbero portare è il giusto modo per intervenire con decisione qualora ci si accorgesse di avere un’infestazione. 

Lasciar progredire la cosa fino ad avere una condizione infestante grave può compromettere in maniera seria l’integrità di un edificio, di un campo agricolo e della salute. Il primo avviso di un’infestazione da roditori sono i danni, essi infatti tendono a rosicchiare continuamente, qualsiasi cosa e questo vuol dire ritrovarsi a dover fare i conti con:

    • Cavi elettrici tagliati.

    • Pareti graffiate o bucate.

    • Confezioni di alimenti da buttare poiché definitivamente contaminate.

    • Condutture di acqua e gas compromesse.

Questi sono danni che comportano spese ingenti per le riparazioni e possono compromettere la qualità di un’abitazione e soprattutto mettere a repentaglio l’incolumità degli abitanti di una casa. Le stime parlano di una percentuale variabile tra il 5% e il 25% di incendi dovuti a cortocircuiti provocati da roditori.

All’interno di un campo o di una casa i topi inoltre mangiano di continuo. Questa specie di mammifero non termoregola bene e ha bisogno di inserire al proprio interno quantità considerevoli di cibo

All’interno di una tenuta agricola o di una casa vuol dire avere ingenti perdite di base oltre all’impossibilità di vendere quei prodotti “risparmiati” dai roditori per la possibile insalubrità degli stessi. Il settore alimentare è infatti tra i reparti più colpiti dalle infestazioni dei roditori.

Stime ufficiali fornite dalla FAO parlano di perdite annuali stimabili in 620 milioni di dollari negli ambienti domestici mentre tenendo conto anche dell’ambiente agricolo i danni causati dai roditori salgono a 900 milioni.

I topi e i ratti tendono a sporcare: defecano, urinano e lasciano il grasso delle loro secrezioni su tutto l’areale che infestano e questo genera una condizione nociva per la salute, oltre a un cattivo odore davvero pungente. Vediamo nello specifico quali sono i rischi per la salute umana.

Le malattie portate da ratti e topi 

Esistono davvero moltissimi modi in cui è possibile contrarre malattie da ratti e topi: inalando area contaminata da urina ed escrementi, contatto diretto attraverso superficie o alimenti contaminati.

Tra le malattie derivanti dalla contaminazione con gli escrementi è possibile trovarne di davvero pericolose per l’uomo come la febbre tifoidea, la salmonella, la toxoplasmosi, il tifo, la tenia di ratto, la meningite linfocitaria oltre alla possibilità di contrarre infezioni di hantavirus. In questo caso alcune delle malattie qui elencate sono di forte impatto per il sistema immunitario di un essere umano e possono portare anche a conseguenze davvero gravi. 

Dopo aver identificato quali sono le malattie provocate dagli escrementi è bene tener presente che è possibile contrarre diverse malattie anche con un contatto diretto o attraverso oggetti e cibo contaminato anche dall’urina. In questo caso è possibile citare la toxoplasmosi, l’hantavirus e la leptospirosi itterica.

I topi e i ratti possono portare malattie molto gravi anche tramite morsi e graffi e sebbene oggi si sia in grado di debellarla e curarla, se presa in tempo, è anche possibile contrarre una malattia temibile come la peste. Vi è inoltre la possibilità di contrarre la rabbia

È bene tener presente, inoltre che molte delle malattie trasmesse dai roditori possono derivare da ectoparassiti come zecche, pidocchi, acari e zanzare e che pertanto non è semplice, nel momento in cui ci si trova in un’infestazione pesante, contenere i rischi per la salute umana

Come eliminare un’infestazione da topi e ratti

Dopo aver dato una panoramica breve ma esaustiva di quelli che sono i pericoli di un’infestazione murina e aver fornito gli strumenti necessari affinché sia possibile accorgersene in tempo è importante fornire informazioni riguardanti una derattizzazione completa e fai da te. 

È infatti possibile operare in autonomia qualora si disponga degli strumenti necessari e si conoscano i luoghi di approvvigionamento. In caso di infestazioni da topi e pantegane sarà facile individuare i luoghi dove questi roditori tornano alla ricerca di cibo e sarà possibile sfruttare la loro passione per il rosicchiamento preparando trappole con esche in bustina.

Mentre nel caso di roditori come il ratto nero sarà invece necessario un controllo perimetrale e una diffusione di questo tipo di esca in punti strategici. È inoltre importante quando si sceglie un veleno per topi e ratti tener conto di alcune sue caratteristiche principali:

    • Non deve essere di facile apertura. In questo caso si salvaguarda la salute di animali domestici, bambini e adulti.

    • Deve essere un veleno ad ingestione e ad azione lenta.

Questo tipo di veleno apporta un vantaggio considerevole per coloro che vogliono effettuare una disinfestazione accurata poiché il topo o il ratto non avrà modo di accorgersi della correlazione tra l’esca e il pericolo per la colonia. Tra le proposte più efficaci vi è l’esca TIGER 25 in bustina, capace di rispondere a tutti i requisiti di disinfestazione più esigenti e di risolvere anche le infestazioni oramai divenute endemiche.